1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

Il Gran Cratere o Fossa

Dal molo si prosegue a sinistra, seguendo le indicazioni per il cratere, già dalla strada, osservando la parete del cono, si può notare a mezza costa la presenza di un cratere avventizio e poco oltre una colata di ossidiana: si tratta di testimonianze della eruzione verificatasi verso la meta del ‘700.

A circa 1 km. Di distanza un cartello indica la via d’accesso al cratere; il sentiero dal fondo sabbioso si inerpica lungo i fianchi del cratere, lungo il percorso si possono notare i depositi giallo-grigi di una eruzione del VI secolo d.C. Nell’ultimo tratto del sentiero, si incontrano, sulla sinistra, alcune fumarole, in corrispondenza del vecchio sentiero, hanno depositato diverse patine di solfo dal vivace colore giallo.

Eccoci, infine, dopo un ultimo tornante, sul bordo del Cratere della Fossa (o Gran Cratere): ci troviamo, così, davanti ad uno spettacolo da inferno dantesco caratterizzato dai fumi aspri delle fumarole dal pungente odore di solfo.

Percorrendo, in senso anti orario, il bordo craterico, si incontrano lungo il cammino enormi “bombe a crosta di pane”; dal bordo sud ovest si gode un’ottima visione del campo fumarolico antistante e del bordo interno del Cratere. Dopo aver proseguito il percorso del bordo, si giunge sul versante meridionale: da qui si osservano sulla destra sia il Monte Saraceno che le pareti della Caldera della Fossa.

Giunti in cima, il punto più alto 391 mt sul livello del mare (contrassegnato da due piloni geodetici), si ha un’ottima visione panoramica dell’intera isola e, in condizioni favorevoli, dell’intero arcipelago delle Isole Eolie.

Meeting & Congressi

Book online!