1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

Gli Itinerari


L’interesse primario di un soggiorno nell’Isola è la sua natura vulcanica che non ci abbandona mai, né in terra né in mare. Gli itinerari che descriviamo succintamente, hanno per oggetto, diretto o indiretto, il fenomeno endogeno ed esogeno nelle sue molteplici manifestazioni e gli approcci dell’uomo con il Ciclope.

Vulcano Porto e Vulcanello.

A breve distanza dagli attracchi delle navi e degli aliscafi, si erge il Faraglione dove si trovano gli accessi alle gallerie, dalle quali  si estraeva lo zolfo e l’allume; dalla sua sommità (mt. 56) ci si può rendere conto della conformazione geografica della zona.

Ai piedi del Faraglione la baia delle acque calde, il mare ribolle di fumarole sprigionate dalle viscere del vulcano, a pochi metri dalla medesima costa il laghetto naturale dei fanghi caldi, meta durante tutta l’estate di coloro che immergendovisi ne traggono benefici per reumatismi, artrosi, psoriasi  o semplicemente dei benefici ai guasti del tempo sulla pelle; sorge spontaneo il paragone con un girone dantesco, ma se proverete ad immergervi prima nel laghetto e successivamente nel tepore della baia delle acque calde a mare, scoprirete che tra infermo e paradiso la differenza è sottile.

Superando l’istmo che collega Vulcano a Vulcanello la strada ci conduce sino alla Valle dei Mostri, uno dei tre crateri che formano Vulcanello, un anfiteatro craterico il cui fondo è costituito dalla sabbia nera, da osservare con attenzione la delicatezza dei colori delle rocce laviche, le quali secondo l’inclinazione della luce che le colpisce e la prospettiva dalla quale si osservano assumono appunto l’aspetto di mostri. Non ultimo si può godere di un panorama mozzafiato.

Meeting & Congressi

Book online!